Come superare la paura della morte?


Paura ed angoscia: tali sentimenti negativi sono di fatto qualcosa che, quando emana dall’uomo, per il fatto che egli viene a conoscere le corrispondenti entità e forze, possono divenire nefasti. Questa inquietudine e questa paura sono, di fatto, qualcosa che pone l’uomo in un rapporto nefasto con il mondo spirituale, perché nel mondo spirituale ci sono entità per le quali angoscia e paura che emanano dall’uomo sono come un nutrimento gradito. Se l’uomo non ha angoscia e non ha paura, questi esseri fanno la fame. Chi non è ancora andato più a fondo nella questione, può prenderla come un paragone; ma chi conosce questa cosa, sa che si tratta di una realtà. Se l’uomo emana paura, angoscia e mancanza di lucidità, queste entità trovano un nutrimento gradito e diventano sempre più potenti. Queste sono entità nemiche per gli uomini. Tutto ciò che si nutre di sentimenti negativi, di angoscia, paura e superstizioni, di disperazione e dubbi, nel mondo spirituale sono potenze ostili all’uomo che conducono spietati attacchi su di lui quando vengono da lui nutrite. Perciò è innanzitutto necessario che l’uomo che entra nel mondo spirituale si renda per prima cosa forte contro la paura, la disperazione, lo scetticismo e l’inquietudine. Questi sentimenti, però, sono proprio quelli della cultura moderna, e il materialismo, poiché allontana gli esseri umani dal mondo spirituale, è atto ad evocare queste potenze avverse all’uomo con la disperazione e la paura dell’ignoto.


Se mi esprimo del tutto chiaramente, mi tocca dire: nel momento in cui l’uomo vede quella soglia che si oltrepassa con la morte, ecco che scorge anche numerose forze che ostacolano l’essere umano e che davvero gli vengono incontro in maniera nociva. E i più attirano queste forze con la paura della morte. Maggiore è la paura della morte e tanto più forte è il loro potere. La paura della morte è assolutamente parte dei sentimenti di paura. Ma queste forze e potenze appaiono come sacchi svuotati quando l’uomo si rende forte e sa che egli può cambiare qualcosa all’evento della morte non avendo paura della morte!


L’uomo arriva a vincere la paura della morte e a guardarla in faccia soltanto quando sa che nella sua interiorità c’è un nucleo eterno ed immortale, per il quale la morte è solo una trasformazione della vita, è un cambiamento della forma della vita. Non appena l’uomo trova in sé questo nocciolo immortale, grazie alla scienza occulta si educa sempre più al superamento di tali sentimenti e, in ultima analisi, anche al superamento di quella che si chiama la paura della morte. Ma più l’individuo diviene materialistico, più diventa pauroso della morte. Nessuna scienza occulta può salvaguardare l’essere umano dal vedere il vero dietro le quinte. Essa deve mostrargli come la vita eterna, come il karma, porti con sé il grande pareggio nella vita spirituale. Questa scienza occulta deve mostrargli alcune cose. Non può indicargli gli aspetti che danno beatitudine dietro le quinte della vita, senza mostrargli, al tempo stesso, le potenze spaventose, i nemici che vi sono in agguato. Questo è assolutamente vero; ma gli mostra anche in che modo egli possa superare ogni paura di questi suoi avversari. Gli mostra come egli possa affrontare tutto questo con sguardo libero e audace. Gli insegna a divenire oggettivo, spregiudicato, quando si lasci pazientemente educare.

Rudolf Steiner

O.O. 56 - La Conoscenza dell'Anima e dello Spirito

puoi trovare il libro qui

 

SAI CHE PUOI LEGGERE GRATUITAMENTE L'INTERA OPERA? PER ACCEDERE ALL'AREA DEDICATA


CLICCA QUI













 

PUOI TROVARE ALTRI EVENTI SIA IN PRESENZA CHE ONLINE


CLICCANDO QUI

Post correlati

Mostra tutti