La relazione fra Sole e Luna nel periodo Pasquale


Rimane incerto quanti siano i cuori che in questo giorno, nell’Europa occidentale, sentono ancora così tanto il nesso tra la sfera animico-spirituale e quella divino-naturale, da accorgersi che quest’anno la festa è così anticipata da coincidere col tempo in cui dal seno della nostra madre Terra spuntano i freschi ger­mogli dell’anno, e nella vita umana entra la primavera. Tre gior­ni che di solito sono fra loro distanziati sono quest’anno uniti, come fra loro condensati. Il giorno della Pasqua è la prima do­menica che segue la Luna piena che a sua volta viene dopo l’inizio della primavera, il 21 di marzo. Tre giorni, che possono es­sere relativamente distanti l’uno dall’altro, quest’anno si susse­guono: l’inizio della primavera l’altro ieri, Luna piena di prima­vera ieri, domenica di Pasqua oggi.


Per chi si addentri nella co­noscenza spirituale del mondo, in anni del genere si presenta nell’universo una scrittura del tutto speciale, e proprio nel gior­no di Pasqua di un tale anno si addice in modo particolare, al­l’anima che anela ad imparare a sentire i segreti spirituali dell’u­niverso e del diven